Google apporta modifiche ad AdSense in un tentativo di aumentare la trasparenza per gli editori di siti web

Google ha annunciato oggi due modifiche alla sua rete AdSense che afferma aumenterà la trasparenza su come gestisce le violazioni e rimuove gli annunci dai siti web.

Innanzitutto, la tecnologia di AdSense è stata modificata in modo che ora possa rimuovere gli annunci da singole pagine, anziché interi siti web. In precedenza, in genere, Google rimuoveva annunci da ogni pagina di un sito Web dopo una violazione delle norme, anziché solo le pagine con contenuti offensivi.

In secondo luogo, Google lancia una piattaforma in poche settimane chiamata “Centro norme” per aiutare gli editori di siti Web a comprendere le regole del programma e a correggere le violazioni più rapidamente.

In un post su The Keyword, uno dei blog ufficiali di Google, Scott Spencer, il direttore della società di annunci sostenibili, ha scritto “quando adottiamo l’azione politica a livello di pagina come nuova impostazione predefinita per le violazioni dei contenuti, potremo smettere di mostrare annunci su determinate pagine, lasciando annunci pubblicitari sul resto dei buoni contenuti di un sito. Continueremo a utilizzare le azioni a livello di sito, ma solo se necessario. E quando è necessario, come nel caso di violazioni gravi o persistenti, continueremo a licenziare gli editori. Complessivamente, questo significa meno interruzioni per gli editori. ”

Ovviamente, questo significa anche meno interruzioni e più soldi per Google, poiché condivide le entrate di AdSense con i publisher.

Il nuovo Policy Center di AdSense offrirà agli editori informazioni su quante violazioni hanno i loro siti, quali problemi hanno attivato le rimozioni dell’annuncio e istruzioni dettagliate su come risolvere il problema in modo che possano iniziare a visualizzare annunci e a guadagnare di nuovo. Spencer si è riferito a questo come a uno “sportello unico per tutto ciò che un editore deve sapere sulle azioni politiche che riguardano i loro siti e pagine”.

Il Centro norme è destinato agli editori di siti web che utilizzano AdSense, ma i YouTuber che monetizzano i loro video attraverso il programma saranno anche curiosi di sapere come li influenza. Ciò non è ancora chiaro, tuttavia: nel suo post sul blog Spencer ha affermato che “più avanti quest’anno, aggiungeremo i centri di policy in altre piattaforme di publisher oltre ad AdSense”, ma non ha specificato quali.

Molti creator di YouTube hanno visto diminuire drasticamente le entrate pubblicitarie da quando Google ha apportato modifiche al modo in cui gli annunci vengono visualizzati sulla sua rete pubblicitaria e su YouTube. Le modifiche, che includono diverse impostazioni predefinite, più controlli dell’account per gli inserzionisti e una campagna di assunzioni per lo sviluppo di nuovi strumenti di intelligenza artificiale, sono state implementate dopo che le aziende hanno iniziato a boicottare Google perché i loro annunci apparivano accanto a video offensivi.

Gli YouTubers, tuttavia, si sono lamentati del fatto che i nuovi controlli penalizzano ingiustamente anche i video che aderiscono alle politiche della piattaforma e hanno chiesto a Google di essere più trasparente su come funziona la sua moderazione da parte di persone o algoritmi.

You May Also Like

About the Author: admin

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: